Le pubblicazioni su Nursind Sanità riprenderanno a settembre

Covid, dall’Ema arriva il via libera al vaccino Astrazeneca

29 Gennaio 2021

Disco verde dai 18 anni in su, senza preclusioni per fasce d’età. Per il ministro Speranza è una “notizia incoraggiante”

di NS

Era un via libera molto atteso ed è arrivato. L’Ema – Agenzia europea del farmaco – ha dato l’ok al vaccino Astrazeneca, già distribuito, in realtà, nel Regno Unito. Nonostante il dibattitto sulle fasce d’età (la Germania ne aveva sconsigliato la somministrazione per gli over 65), l’Agenzia oggi ne ha autorizzato l’uso per tutti, dai 18 anni in su. “I risultati combinati di quattro studi clinici in Regno Unito, Brasile e Sudafrica hanno mostrato che il vaccino Astrazeneca è sicuro ed efficace nel prevenire il Covid nelle persone a partire dai 18 anni di eta’”, si legge nella nota diffusa dalla stessa Ema. Anche se, si legge ancora, “la maggior parte dei partecipanti agli studi aveva tra i 18 e i 55 anni d’eta” e quindi non ci sono abbastanza risultati nei partecipanti over 55. “In ogni caso, la protezione è attesa, visto che un risultato di immunità è osservato in questo gruppo anagrafico e basato sull’esperienza con altri vaccini. Siccome esiste una informazione affidabile sulla sicurezza in questa popolazione, gli esperti scientifici Ema hanno considerato che il vaccino può essere usato in adulti di età superiore. Più informazioni sono attese dagli studi in corso, che includono una maggiore proporzione di partecipanti anziani”.

Anche se la querelle sui ritardi nella distribuzione delle dosi tra la stessa Astrazeneca e l’Unione europea rimane, ciò che prevale oggi è la soddisfazione per il disco verde dell’Ue al terzo vaccino contro il Covid, dopo l’approvazione di quelli prodotti da Pfizer e Moderna. Una soddisfazione doppia per l’Italia, dal momento che il vaccino è stato messo appunto anche con il contributo della Irbm di Pomezia. Di “notizia incoraggiante” ha infatti subito parlato il ministro della Salute Roberto Speranza. “La battaglia contro il virus è ancora complessa, ma avere a disposizione un altro vaccino efficace e sicuro ci dà più forza nella campagna di vaccinazione”, ha commentato. Ora, quindi, manca un ultimo step e cioè l’ok dell’Aifa. Ed è proprio quello che ha ricordato il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri che su Twitter ha scritto: “Come auspicato, l’Ema ha appena raccomandato l’autorizzazione subordinata a condizioni per il vaccino di Astrazeneca a partire dai 18 anni. Dopo il via libera dell’Aifa avremo a disposizione un’altra arma nella lotta al Covid-19”.