Le pubblicazioni su Nursind Sanità riprenderanno a settembre

Lombardia, Nursind dona oltre 10mila saturimetri, ma lancia l’allarme sulla tenuta psicologica degli infermieri

05 Febbraio 2021

di NS

Un saturimetro per gli infermieri e le ostetriche del Nursind. È questo il dono che il sindacato ha fatto ai suoi iscritti. Oltre 3mila i saturimetri distribuiti a Monza e Milano, oltre 10mila su tutto il territorio regionale. “All’inizio dell’anno è nostra consuetudine omaggiare i nostri iscritti con un gadget, certi che il Nursind si prende cura di chi si prende cura – ha spiegato Donato Cosi, segretario territoriale Nursind Monza e Brianza, e dirigente nazionale del sindacato -. Quest’anno, più che mai, il dono ha un valore particolare. A un anno dall’inizio della pandemia, che è proprio scoppiata nella nostra regione e che, a più ondate, ha messo in ginocchio numerose province lombarde, abbiamo voluto dotare i nostri iscritti, e quindi anche le loro famiglie, di quel saturimetro che è strumento essenziale per la lotta contro il Covid”.

Nel 2020 gli infermieri lombardi hanno lottato in prima linea nei reparti Covid, alcuni sacrificando la loro vita e molti altri riportando ferite fisiche e psicologiche che ancora oggi minano la loro salute. Sono quasi una settantina in tutta Italia gli infermieri morti a causa del Covid, qualcuno si è tolto la vita non riuscendo a sostenere il grande peso psicologico che questa emergenza sanitaria ha scatenato. “Il 2020 è stato un anno che non ci ha lasciato respiro – ha proseguito Cosi -. Infermieri costantemente in trincea, senza ferie, senza riposi”. Questa mole di lavoro ha creato effetti, soprattutto psicologici, molto importanti. “Registriamo un alto numero di colleghi che vive una situazione di disagio. Non abbiamo numeri o percentuali: tutto è nuovo rispetto a prima. Tantissimi sono coloro che soffrono di insonnia, ansia, depressione. C’è un diffuso senso di svuotamento, generato da quanto vissuto in prima linea. E accanto a questo sentimento di profonda desolazione aumentano anche i casi di irritabilità, generata da una stanchezza fisica e mentale mai recuperata”.

Chi può va in pensione, sfruttando la Quota cento oppure Opzione donna. Qualcuno, pur rimettendoci economicamente, ha preferito licenziarsi invece di tornare nell’inferno della corsia. “Anche in questo caso non abbiamo numeri e percentuali, ma sono tanti i colleghi che, pur non avendo maturato i numeri per andare in pensione, o essendo ancora in forze per continuare l’attività, dopo la pandemia hanno deciso di ritirarsi”. Cosi è  preoccupato per questa condizione psicologica di molti colleghi degli ospedali lombardi: “Purtroppo, a un anno di distanza, non ci si è ancora resi conto del disastro e delle vittime che la pandemia ha generato. Vittime che non si contano solo tra i colleghi che purtroppo hanno perso la vita, ma anche tra coloro che avendo superato l’emergenza presentano profonde ferite”. Sono migliaia in Lombardia gli infermieri “mutilati” dal Covid. “Alcuni ospedali hanno attivato anche i servizi di counseling, ma sono pochi e spesso non vengono neppure pubblicizzati. Il problema è che accanto allo psicologo è necessario anche un cambiamento di rotta concreto all’interno delle aziende ospedaliere. Non servono buone parole se poi l’infermiere, al termine della seduta, si trova nuovamente catapultato nell’inferno della corsia”.

Adesso la situazione negli ospedali lombardi è apparentemente calma. “Il problema è che se dovesse scoppiare nuovamente la pandemia – ha concluso il sindacalista – saremmo ancora di fronte a un esercito di colleghi stanchi e svuotati. Le assunzioni durante l’emergenza Covid infatti sono comunque a tempo determinato, a scadenza annuale”.