Covid, “Le visite nelle Rsa? Ancora non sono riprese del tutto. Le norme ci sono, vanno applicate”

17 Giugno 2021

Per la senatrice M5s Elena Pirro, bisogna accelerare: “E’ passato oltre un mese dall’ordinanza del ministro Speranza”

di NS

Le visite ai pazienti delle Rsa proseguono ancora a singhiozzo. A tenere accesi i riflettori su tale questione è la senatrice del Movimento cinque stelle Elena Pirro, capogruppo M5s in commissione Sanità di palazzo Madama. “Nonostante l’ordinanza del ministro Speranza dell’8 maggio ancora non riprendono del tutto le visite all’interno delle Rsa. I familiari dei degenti denunciano visite con il contagocce, in alcune situazioni addirittura ancora da dietro le finestre”, afferma Pirro.

“I familiari – osserva la senatrice pentastellata – hanno diritto a riabbracciare i propri cari e i degenti hanno bisogno di tornare ad avere accanto chi li ama. E’ vero che nell’ordinanza del Ministero si dispone la possibilità dell’autorità sanitaria competente di mettere in atto misure più restrittive, ma è anche vero che è passato più di un mese dall’8 maggio, che la campagna vaccinale procede, ma soprattutto che, con strumenti come il green pass, abbiamo la possibilità di tornare gradualmente alla normalità e di farlo in sicurezza”.  Secondo Pirro, “le Regioni hanno fatto degli errori atroci con le Rsa, penso alla Lombardia e all’ordinanza che addirittura vi mandò i pazienti Covid-19, ma tenere reclusi i degenti per paura non può essere la soluzione“.