“Gli infermieri meritano subito un segnale da Governo e Parlamento”

09 Dicembre 2021

di Andrea Bottega*

Stiamo seguendo con molta attenzione i lavori del Senato sulla manovra. Ed è soprattutto alla partita che riguarda l’anticipazione dell’indennità di specificità per gli infermieri che guardiamo con maggiore apprensione.

Siamo nel pieno della quarta ondata e abbiamo alle spalle mesi difficilissimi. Mai come in questo momento, con l’incognita dei contagi davanti a noi e le prospettive ancora lunghe di chiudere il nuovo contratto di comparto, abbiamo bisogno di un vero riconoscimento del nostro lavoro. Vedere che la questione rientra tra gli emendamenti segnalati alla legge di Bilancio ci fa ben sperare. Per il Nursind inoltre rappresenta un successo il fatto che la proposta che abbiamo caldeggiato a livello istituzionale e mediatico abbia ottenuto un consenso trasversale in Parlamento.

A portarla avanti sono state infatti tre forze politiche, il M5s e Leu per la maggioranza e Fratelli d’Italia dall’opposizione. Proprio il partito guidato da Giorgia Meloni ha colto in pieno la necessità di dare subito un segnale agli infermieri. Va in questa direzione l’emendamento a prima firma Zaffini che, in maniera diretta, senza ulteriori rimandi burocratici, chiede che agli infermieri venga riconosciuto quanto spetta loro.

In fondo, non servono impegni di spesa, dal momento che le risorse erano state già stanziate nella scorsa manovra. I soldi c’erano ma si decise immotivatamente di vincolarli al rinnovo del contratto di comparto. Così come non servono ulteriori leggi e decreti.

Occorre solo, ed è quello che ci auguriamo, che il Governo, ministero della Salute in testa, sappia fare sintesi tra le proposte sul tavolo, anche alla luce di quelle che sono le concrete esigenze dei lavoratori. E, infine, che il Parlamento sovrano approvi. La categoria ha già maturato un arretrato di quasi un anno. Non possiamo credere che i parlamentari questa volta non avranno un sussulto. Davvero le istituzioni vorranno farsi beffa degli infermieri, che sono la colonna portante di tutto il servizio sanitario?

*Segretario nazionale Nursind