Liste d’attesa, “Serve uno sforzo importante per rilanciare la sanità del territorio”

24 Febbraio 2022

L’appello di Senior Italia FederAnziani: “Bisogna tornare a prendere in carico le altre cronicità”. L’associazione ricorda che è attivo il servizio Pronto Senior Salute. Tutti i dettagli

di NS

Sono ormai centinaia le telefonate che arrivano ogni settimana al numero di Pronto Senior Salute, il servizio attivato nei mesi scorsi dall’associazione Senior Italia FederAnziani allo scopo di aiutare i cittadini over 65 che hanno problemi con le liste d’attesa. Proprio l’associazione nei giorni scorsi ha fatto il punto sulla situazione e ha spiegato come ormai si rivolgano a Pronto Senior Salute “non solo i senior, i caregiver, i figli, e i nipoti per conto di genitori e nonni, ma anche persone di tutte le età che non riescono a interfacciarsi con i Cup”.

“Il servizio aiuta coloro che si vedono fissare appuntamenti con tempistiche difformi da quanto previsto dal piano nazionale per il governo delle liste d’attesa per il triennio 2019-2021. Il punto d’ascolto li supporta a ottenere il rispetto da parte dei Cup dei tempi indicati dai medici all’interno delle prescrizioni per le visite specialistiche, gli esami diagnostici e i ricoveri e troppo spesso ignorati al momento dell’assegnazione degli appuntamenti. Anche se le Regioni hanno iniziato a rimboccarsi le maniche – spiegano -, sul fronte del recupero delle liste d’attesa occorre ancora uno sforzo importante per rilanciare la sanità del territorio”.

“L’emergenza della pandemia – evidenzia Senior Italia FederAnziani – ha portato a livelli allarmanti il problema delle liste d’attesa, su cui, già prima, pesava la cronica mancanza di personale con cui far fronte ai bisogni di salute dei cittadini. Per molti mesi il Covid ha di fatto cancellato le altre cronicità, togliendo spazio a chi, per esempio, ha problemi cardiaci o deve fare un intervento di cataratta. Sono milioni i pazienti che ancora oggi faticano a ottenere il rispetto dei tempi indicati dal medico sulle prescrizioni, trovandosi a dover rinviare visite specialistiche, controlli, interventi, con i Cup che spesso non sono nemmeno in grado di fornire una data”.

Secondo l’associazione, “è importante non abbassare la guardia sulla lotta al Covid, ma al tempo stesso bisogna tornare a prendere in carico le altre cronicità perché i cittadini continuano a subire l’enorme danno di salute per malattie diagnosticate tardivamente e quindi più difficili da curare”.

Il numero 06.62274404 di Pronto Senior Salute è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30 ed è raggiungibile da telefono fisso e mobile. Il costo del servizio è quello di una normale chiamata verso rete fissa secondo il piano tariffario del chiamante. Una centrale operativa con operatori qualificati è a disposizione dei cittadini per prendere in carico le richieste di assistenza relative a tutti quei casi in cui l’appuntamento erogato dal Cup per una prestazione sia in ritardo rispetto alle tempistiche stabilite dalla normativa in relazione alle diverse classi di priorità. Alla segnalazione segue la presa in carico da parte di Senior Italia FederAnziani del singolo caso, attraverso un’attività di segnalazione ai soggetti competenti al fine di ottenere il rispetto dei tempi di attesa garantiti per legge per tutte le prestazioni erogate dal servizio sanitario nazionale e dalla sanità pubblica.

Sempre più vicini ai nostri lettori.
Segui Nursind Sanità anche su Telegram