Svolta Paxlovid: da oggi il farmaco antivirale arriva in tutte le farmacie

21 Aprile 2022

Farmindustria saluta con favore la decisione dell’Aifa: “Si apre una fase nuova nel contrasto alla pandemia di Covid”. E sarà gratuito

di NS

A partire da oggi, il farmaco antivirale Paxlovid per il trattamento precoce del Covid-19 può essere prescritto anche dai medici di medicina generale e ritirato direttamente in farmacia, senza costi a carico del cittadino e senza aggravi per il Servizio sanitario nazionale. La svolta, resa esecutiva dalla determinazione dell’Aifa pubblicata ieri in Gazzetta ufficiale, di fatto rende disponibile e facilmente accessibile su tutto il territorio nazionale il primo antivirale orale, che potrà essere distribuito gratuitamente attraverso la rete delle 19mila farmacie italiane.

Farmacie che, per bocca del presidente di Federfama Marco Cossolo, sottolineano la bontà di una decisione che “semplifica l’accesso ai farmaci antivirali per il trattamento del Covid-19 e apre una fase nuova nel contrasto alla pandemia, che incardina sul territorio le attività di prescrizione e dispensazione di questi medicinali, con il pieno coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei farmacisti”. La svolta voluta dall’Aifa e dal ministero della Salute è decisiva, sottolineano i farmacisti, “per assicurare la tempestività del trattamento con gli antivirali orali, rivelatasi fondamentale per il buon esito della cura”.

 La stessa Agenzia del farmaco ricorda infatti che il trattamento, riservato a pazienti adulti che non necessitano di ossigenoterapia supplementare e che sono ad elevato rischio (perché affetti ad esempio da patologie oncologiche, malattie cardiovascolari, diabete mellito non compensato, broncopneumopatia cronica e obesità grave), deve essere iniziato il più precocemente possibile e comunque entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi.

La distribuzione alla rete delle farmacie avverrà gratuitamente grazie a un protocollo d’intesa tra ministero della salute, Aifa e rete delle farmacie (Federfarma, Assofarm e FarmacieUnite) e dei distributori farmaceutici (Federfarma Servizi e A.D.F.).

Rimane comunque possibile la prescrizione da parte di tutti i centri specialistici Covid-19 individuati dalle Regioni. La prescrizione effettuata dal medico di medicina generale sarà monitorata tramite il sistema di ricetta elettronica, mentre per i trattamenti prescritti dai centri Covid-19 individuati dalle Regioni rimane attivo il registro di monitoraggio Aifa.

Sempre più vicini ai nostri lettori.
Segui Nursind Sanità anche su Telegram