Al via i corsi di specializzazione in Medicina e cure palliative. Si parte già dal 2022-2023

31 Maggio 2022

Il ministro Speranza ha firmato il decreto con cui vengono aggiornati gli standard minimi, concludendo l’iter normativo: “Risultato che arricchisce i percorsi formativi”

di NS

La Scuola di specializzazione in Medicina e cure palliative partirà dal prossimo anno accademico. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, di concerto con il ministro dell’Università, Maria Cristina Messa, ha firmato il decreto ministeriale con cui vengono aggiornati gli standard minimi per i corsi, e con questo provvedimento si conclude il percorso normativo che consentirà di avviare, appunto, la Scuola di specializzazione in Medicina e cure palliative a partire dall’anno accademico 2022/2023. Per il ministro Speranza “è un risultato importante che arricchisce il percorso formativo dei nostri futuri medici in un ambito di particolare rilievo per la vita di tante famiglie”.

Le Scuole di specializzazione in medicina e cure palliative sono state istituite con la legge approvata nel luglio del 2020, il cosiddetto decreto Rilancio, e vi possono accedere laureati in medicina e chirurgia: dal prossimo anno gli specializzandi in Medicina e cure palliative potranno iniziare dunque la loro frequenza in ospedale, negli hospice e nelle reti domiciliari.

Per il parlamentare di Azione Giorgio Trizzino, membro della commissione Affari sociali della Camera e da sempre molto attento ai temi connessi alle patologie terminali (l’anno scorso è stato promotore di una mozione che ha impegnato il Governo a implementare le cure palliative nella fase delicata dell’emergenza pandemica), quello che ha portato al decreto di oggi è stato “un percorso impegnativo che ha coinvolto la politica, l’università e gli esperti che hanno costruito passo dopo passo, questo splendido risultato. Si tratta di una risposta importante per il contrasto della sofferenza alla fine della vita. Tra quattro anni anche in Italia ci saranno i primi specialisti in Medicina e cure palliative”.

Sempre più vicini ai nostri lettori.
Segui Nursind Sanità anche su Telegram