Covid, c’è il via libera dell’Ema al vaccino Valneva

23 Giugno 2022

L’Agenzia europea del farmaco raccomanda l’autorizzazione per le persone tra i 18 e 50 anni: innesca la produzione di livelli più alti di anticorpi contro il ceppo originale rispetto a Vaxzevria

di NS

Via libera dall’Ema al vaccino anti-Covid Valneva per le persone dai 18 ai 50 anni. L’Agenzia europea del Farmaco ha raccomandato di concedere un’autorizzazione all’immissione in commercio per l’uso nella vaccinazione primaria.

Valneva, che contiene particelle intere inattivate del ceppo originale di Sars-Cov-2, è il sesto vaccino raccomandato nell’Unione europea per la protezione contro il Covid-19 e, insieme ai vaccini già autorizzati, sosterrà le campagne di vaccinazione negli Stati membri dell’Ue durante la pandemia.

Dopo una valutazione approfondita, il comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Ema ha concluso per consenso che i dati raccolti sul vaccino durante le sperimentazioni sono solidi e soddisfano i criteri dell’Ue per efficacia, sicurezza e qualità.

Lo studio principale condotto con il vaccino di Valneva è un trial di immunobridging, che confronta la risposta immunitaria indotta da un nuovo vaccino con quella indotta da un vaccino di confronto già autorizzato. I risultati di questo studio, che ha coinvolto quasi 3mila persone di età pari o superiore a 30 anni, hanno mostrato che il vaccino innesca la produzione di livelli più elevati di anticorpi contro il ceppo originale di Sars-Cov-2 rispetto al comparatore, Vaxzevria (già noto come Astrazeneca). Inoltre, la percentuale di persone che hanno prodotto un livello elevato di anticorpi si è rivelata simile per entrambi i vaccini.

Il Chmp ha pertanto concluso che il vaccino anti Covid-19 Valneva dovrebbe essere efficace almeno quanto Vaxzevria nella protezione contro la malattia. Sulla base dei dati forniti, non è stato possibile trarre alcuna conclusione sull’immunogenicità del vaccino di Valneva (la sua capacità di innescare la produzione di anticorpi) nelle persone di età superiore ai 50 anni; pertanto, il preparato è attualmente raccomandato solo per l’uso in persone tra i 18 ei 50 anni di età.

Sempre più vicini ai nostri lettori.
Segui Nursind Sanità anche su Telegram